Sguardi

Immigrazione: basta tifo da stadio

«Da come affronteremo la questione migratoria dipenderà quello che saremo in futuro. Se sapremo guardare la storia, se sapremo accogliere e indirizzare, oppure se ci lasceremo travolgere e lacerare anche al nostro interno». Lo ha detto Matteo Truffelli, presidente nazionale dell’Azione cattolica italiana, nel saluto al seminario Agenda Immigrazione. Accogliere, proteggere, promuovere e integrare promosso il 9 novembre a Roma dalla presidenza nazionale di Ac e dagli Istituti “Vittorio Bachelet” e “Giuseppe Toniolo”.

Letture e sconfinamenti. Alla ricerca dell'Altro

«Il confine non ha, specialmente negli ultimi tempi, una buona fama. Naturalmente tutto dipende da come si vive un confine: se lo si vive come ponte per incontrare l’altro oppure come muro per respingerlo». Le parole di Claudio Magris dipingono bene la crisi dei “confini, etici, politici, culturali e antropologici che oggi stiamo vivendo.

È l'ora della "P" maiuscola

È ancora possibile fare politica con la “P” maiuscola? Secondo papa Francesco sì: è lui, infatti che, il 30 aprile del 2017 in piazza San Pietro, ha caldamente invitato i laici dell’Azione cattolica italiana a impegnarsi per il bene comune, utilizzando proprio questa espressione così provocatoria e stimolante. E oggi l’Azione cattolica sta rispondendo a questo invito, coinvolgendo i propri soci, facendo rete con le altre realtà associative del mondo cattolico, aprendosi al confronto con la polis.