Bilancio di Sostenibilità

Un punto di partenza per fare un salto in avanti

Quanto valore c'è nelle 4 milioni di ore donate all'anno dai 37.700 responsabili associativi o nelle 7 milioni di ore messe a disposizione ogni 365 giorni dai 50mila educatori? E quanto incidono i 7mila sacerdoti asssistenti e le migliaia e migliaia di soci che sono impegnati nel territorio con progetti di promozione sociale e politica?

 

Perché il bilancio di sostenibilità dell'Ac

Embedded thumbnail for Perché il bilancio di sostenibilità dell'Ac

Il dossier di Segno nel mondo (n. 2/2019) si occupa del primo bilancio di sostenibilità dell'Azione cattolica italiana.

In questo video, Michele Tridente, vice presidente nazionale dell'Ac per il settore Giovani, anticipa i contenuti del dossier - che sarà disponbile a breve con l'uscita del numero di Segno nel mondo -  spiegando i motivi che stanno alla base del primo bilancio di sostenibilità voluto dall'Azione cattolica italiana.

Bilancio di sostenibilità Ac. Ogni volto è valore

Quella che presentiamo in queste pagine è la prima edizione del bilancio di sostenibilità dell’Azione cattolica italiana. Ritengo sia significativo iniziare questo percorso proprio all’indomani dell’anno in cui abbiamo celebrato i nostri primi 150 anni e in cui ricordiamo l’adozione dello Statuto del 1969, che diede forma all’Ac del Concilio: custodire la memoria significa anzitutto cercare di essere, anche oggi, un’Azione cattolica capace di scelte coraggiose di impegno a servizio delle persone, della nostra Chiesa e del nostro Paese.

Bilancio di sostenibilità Ac: ogni volto è valore

È il primo Bilancio di Sostenibilità dell’Azione cattolica italiana e sarà presentato venerdì 15 marzo alle 17.30 nell’aula Barelli della Domus Mariae a Roma. Saranno presenti il presidente nazionale, Matteo Truffelli, Mauro Salvatore, economo della Cei, Maria Bachelet dell’Università di Roma Tor Vergata e i consulenti nella stesura del bilancio. Modererà Gianna Fregonara del Corriere della Sera.