Quel Padre Nostro che cambia la vita

«Nella liturgia delle domus ecclesiae, nei primi anni del cristianesimo, la casa è santuario, la mensa è memoriale, il padre e la madre sono celebranti, gli stessi ministeri sono declinati in chiave “familiare” (il vescovo è padre). I gesti sacramentari sono essenzialmente “domestici”: il battesimo come “bagno”, i catecumeni diventano “neonati”, la tavola è “comunione”, l’eucaristia è “pasto”, la preghiera è “intimità”, la porta è “accoglienza”». Una teologa racconta a Segno nel mondo che recuperare questa liturgia dell’essere famiglia, è il primo passo che attende noi cristiani. Anche con l’aiuto della “preghiera delle preghiere”

It appears your Web browser is not configured to display PDF files. Download adobe Acrobat or click here to download the PDF file.

Per scaricare il PDF clicca qui