Nella rivista

Un mondo in fermento

«In quest'epoca disinteressata all'altro dobbiamo reagire secondo una logica del "farsi carico", generando il dialogo tra persone, popoli e stati. Per superare la categoria del nemico, che è poi la realtà della guerra». Per il Rettore della Pontificia Università Lateranense occorre, secondo il magistero di papa Francesco, recuperare i valori tradizionali dell'umanità: la dignità, la libertà, l'uguaglianza e soprattutto i doveri

Guerra e pace. Salviamo il futuro

A distanza di cento anni dal dramma della grande guerra, sono ben 34 gli scontri oggi in corso nel mondo. Dobbiamo aprire gli occhi sui conflitti in atto, spesso dimenticati. Si tratta di una vera e propria terza guerra mondiale, diffusa "a pezzi" sul globo terrestre. Coinvolgerci nella pace resta qualcosa di più di un sogno realizzato. E' una costruzione che non possiamo permetterci di arrestare.

Michele D'Avino, direttore dell'Istituto di Diritto internazionale "Giuseppe Toniolo" si chiede in quale mondo vogliamo vivere, partendo dal magistero della Chiesa